Livia Malossi Bottignole

Nata a Cesena (FC) il 12 giugno 1996, Livia Malossi Bottignole intraprende lo studio del pianoforte all’età di 8 anni, inserendosi a 11 al Conservatorio B. Maderna di Cesena e terminando il percorso accademico di vecchio ordinamento nel 2017, al Conservatorio G.B. Martini, dove si diploma col massimo dei voti in Pianoforte sotto la guida del M. Flavio Meniconi. Successivamente prosegue lo studio dello strumento all’interno del Biennio Sperimentale di Musica da Camera, in cui si laurea nel luglio del 2019 con il massimo dei voti e la lode, con una tesi sugli autori russi del Secondo Novecento. Parallelamente conduce fin da piccola gli studi di Composizione: a 14 anni inizia a studiare a Cesena con i maestri Claudio Scannavini e Gilberto Cappelli; attualmente frequenta il 2° anno di Triennio di Composizione, sotto la guida del M. Francesco Carluccio, – precedentemente con il M. Chiara Benati. Ha preso parte a masterclass con maestri di alto livello (A. Nosé, O. J. Laneri, T. Levitina, P. Camicia, R. Prosseda, A. Gadjev).
Nel 2018 riceve una menzione speciale per meriti artistici dal gruppo Inner Wheel di Bologna, e nello stesso anno, compare nel docufilm “Proprio Destino” di Cesare Ronconi e Martina Dall’Ara per il Teatro Valdoca, dove risponde a un’intervista sul proprio percorso artistico e umano e si esibisce con brani solistici e da camera; nel 2019 il docufilm vince il Premio Cinema del Reale al festival Festa di Cinema del Reale di Corigliano d’Otranto (LE).
Meglio conosciuta solamente come Livia Malossi, essendo cresciuta con la madre, a vent’anni aggiunge ufficialmente il cognome del ramo familiare materno con il quale si firma già da prima nei suoi scritti e partiture, omettendo il secondo cognome.

La sua produzione è caratterizzata da un’estrema varietà non solo di linguaggio ma anche di contesto: ha scritto brani per varie formazioni ed ensemble e diverse produzioni teatrali, di stampo classico o più contemporaneo – come performance con attori e danzatori o sonorizzazioni di spettacoli e letture. Il suo interesse per questo tipo di ricerche artistiche si è enormemente sviluppato grazie alla frequentazione dei laboratori della Socìetas Raffaello Sanzio di Cesena, con Chiara Guidi, Claudia Castellucci, Scott Gibbons ed Enrico Malatesta.
Si è esibita come solista, in formazioni da camera e in ensemble in numerose rassegne e festival. Tra i luoghi più importanti, il teatro Le Torri dell’Acqua di Budrio; la Panstwowa Szkola Muzyczna im. Chopina di Olsztyn (Polonia); il centro culturale di Dobrym Mieście (Polonia); l’auditorium Pedrotti di Pesaro; il Teatro delle Passioni di Modena; il Museo Gregoriano profano a Città del Vaticano; la Sala Bossi, la Cappella Farnese, il Circolo degli Ufficiali e il Teatro Comunale di Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *